We are the world

ImageOggi stavo leggendo rivista Studio e coccolando il mio cane con la televisione sintonizzata su TRS Evergreen. Il canale mi faceva da sottofondo musicale. Per chi non la conoscesse, questa rete regionale manda a nastro video musicali vecchi. Praticamente,un’idea geniale.

Ad un certo punto sento delle note e sullo schermo appare il mondo che gira Continua a leggere…

Annunci

Stamattina la radio: sono già pronte…

Stamattina la radio: sono già pronte

bombe per 250.000 Hiroshima

ma il pericolo non è imminente.

Rispondetemi, come può un poeta essere amato?

Lo ricordo bene, Musil che scrive:

«questa è la prima epoca della storia

che non ama i suoi poeti».

 

In questi giorni molti mi chiedono poesie,

qualche motivo buono ci deve essere.

 

(Antonio Porta)

Quando ero bambino guardavo spesso dal balcone di casa mia il campanile di Cologno Monzese con la cella campanaria vuota e poi, quando montarono le campane, le guardavo suonare. La domenica per me erano le giornate con il cielo sereno e pulito, il profumo di bucato, le gite fuori porta o a Milano. Planetario, museo […]

La città che bombardò se stessa

Immagine13 maggio 1985: un elicottero della polizia vola radente sopra le case di un quartiere residenziale di Philadelphia, Osage avenue. Giunto sopra un’abitazione al 6221, rallenta e si ferma. Un agente lascia cadere sul tetto una sacca e il velivolo schizza via a gran velocità. Dopo pochi secondi un’esplosione scuote la struttura. L’abitazione é la sede del MOVE.

Il MOVE era un’organizzazione di protesta politica simile ad una setta religiosa fondataContinua a leggere…

Alla figlia del trainante

Io non so più viverti accanto

qualcuno mi lega la voce nel petto

sei la figlia del trainante

che mi toglie il respiro sulla bocca.

Perché qui sotto di noi nella stalla

i muli si muovono nel sonno

perché tuo padre sbuffa a noi vicino

e non ancora va alto sul carro

a scacciare le stelle con la frusta.

 

(Rocco Scotellaro)

Ho smesso

Stavo scrivendo un album. Ho smesso.

Stavo scrivendo racconti. Ho smesso.

Stavo scrivendo sul blog. Ho smesso

Facevo video. Ho smesso

Perché? Perché dopo sette anni passati ad impegnarmi al lavoro ho preso un calcio in culo e sono stato retrocesso. Allora ho capito che in Italia anche se sei bravo e ti impegni ci sarà sempre qualche paraculo davanti da sistemare o sempre gli stessi quattro ad occupare spazio. E che nessuno investe su di te nonostante la serietà.

Chiudo con “Aug,tuo padre ha parleto” preso liberamente da Lino Banfi

Cuore

Un giorno molto azzurro un uomo arrivò in una città di montagna nera di fumo e sepolta nella neve tra alti picchi: camminando sotto i portici bassi si fermò davanti a un negozio di souvenirs, vide una coppia di sposini tirolesi con su scritto Zwei Herzen e di colpo ricordò una bambina bionda e rosea sempre vestita da tirolese che incontrava per la strada quando andava a scuola. Si vedevano e arrossivano, Continua a leggere…