Iron Maiden – Flight 666

ImmagineNel 2008 gli Iron Maiden decidono di lanciare un tour mondiale. I concerti previsti prendono il nome di “Somewhere back in time world tour” e riportano in scena il mitico “World slavery tour” del 1984-85. Il che  vuol dire che i fortunati spettatori che assisteranno alle date live potranno rivedere il mitico palco di quegli storici concerti ed ascoltare la scaletta completa dell’immortale album “Live after death”. I Maiden decidono di aggiungere alcune canzoni a quelle della tournée ’84-’85. Ma la cosa più rivoluzionaria sarà un’altra. Per potere suonare in nazioni dove non sono mai stati prima ma, per fattori logistici e di costi, irraggiungibili, partoriscono la malsana idea di viaggiare su un aereo privato con tutto lo staff e le attrezzature. Il pilota del velivolo sarà Bruce Dickinson, cantante storico della band.

“Flight 666” é il documento video di quell’idea pazzesca che li vedrà suonare in 21 città di 10 nazioni in soli 45 giorni per un totale di 80000 chilometri di volo. Realizzato da Scott McFadden e Sam Dunn il video alterna interviste ai musicisti, allo staff, ai fans inframmezzate da estratti dei concerti.

Immagine

Un documento incredibile per due motivi. Chi pensa che i metallari nel tempo libero squartino gatti, vergini e bambini per bere il loro sangue e così ottenere vantaggi da Satana o da demoni di più basso rango, rimarrà a bocca asciutta. I sei inglesi suonano, suonano e suonano. A parte Dickinson che pilota l’aereo, i Maiden nei loro momenti liberi fanno le cose che fanno tutti i signori di mezza età con un tenore di vita alto: giocano a golf, a tennis e visitano i monumenti delle nazioni in cui si trovano. Come dei semplici turisti, ce li ritroviamo davanti a delle piramidi in Centroamerica dediti alle trattative per acquistare souvenir.

Immagine

L’altra cosa che lascia di stucco, molto più della prima, é vedere la reazione della gente che accorre agli spettacoli. Soprattutto in nazioni che, di band così grosse, non ne hanno mai viste. A Mumbai, in India, in Colombia (dove la gente é accampata da giorni sulle aiuole spartitraffico), in Messico, in Costa Rica (dove ci sono ragazzi che consapevoli di un’occasione forse unica nella loro vita, arrivano anche dal Salvador a costo di perdere il posto di lavoro). In un periodo dove il mondo é diviso da problemi di ogni tipo (politici, razziali, religiosi) l’elemento che ancora riesce ad unire e suscitare grande entusiasmo é uno solo : la musica.

Immagine

Per i fan del metal e dei Maiden, da avere assolutamente. Per gli altri, un gran bel documentario che stupirà chi crede nei luoghi comuni e nelle dicerie. Per tutti perché, dopo avere visto questo video, si renderanno conto di quanto sono fortunati ed agevolati a vivere in Europa ed in Italia, dove andare a vedere un concerto ormai é facile come prepararsi la cena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...