Osso

Un tempo fui
un osso
nella pianura
tra gli altri scheletri.
In un deserto remoto
tra rocce e ciottoli.
Ero nuda, ero bianca.

 

Il vento venne,
un soffio d’aria
spinse l’anima
dentro di me.
Fui fatta donna,
forgiata da una
costola d’Adamo.Continua a leggere…

Annunci

Lavavetri

hotel-insonnia-176x300E di nuovo cigola il ponteggio

lassù dove convergono tutti i nostri pensieri:

stordito, appeso

a una cinghia di pelle,

 

venti piani più in alto

nel freddo di un tardo novembre

a grattare via sudiciume

dal vetro, dalle molte finestre

 

che non c’è modo di aprire,

cristalli fumé che riflettono nubi

simili a statue equestri,

a liberatori spettrali dalle sciabole alzate

 

davanti a questi uffici bui

e alle loro anonime moltitudini

chine su un giorno

di lavoro mirabilmente inutile.

 

(Charles Simic)