Una poesia di Isabella Leardini

Come una pianta che con poca luce

sappia fiorire mille volte senza cure

ho deciso di aspettarti ancora.

Ci sono cose che restano per anni

sotto la polvere delle case vuote

la bellezza è solo quella che resiste.

La ragazza che ha dormito in questa stanza

ha perso troppi anni e troppi amori.

Aprire le finestre, dare chiaro

in ogni angolo e pensare che ogni muro

ogni cassetto ritornato nuovo

chiede ancora di ospitare gioia.

Leardini Lpsla-Wax

Annunci

El Paradiso

Ne la mia casa son,

e xe ’sta casa quela

de ’desso, e anca la mia

de San Felice bela

 

col giardin, e quel làvarno

grando, e drio l’ortisel;

e anca quela co’ nona

Giudita e mi putel.

 

E el tempo che xe, bel,

tuti i tempi el xe in uno;

e la stagion no’ istà,

no’ primavera o utuno

 

xe, no’ inverno, ma una

bela e granda; e de sora

xe el ziel, che un xe e tuti

i ziei, e no’ ’l ga ora:

 

matina xe, e sera,

e xe el bel ciaro giorno.

E mi son qua de passa

mile ani; e go ’torno,

 

con mi, mia molge giòvine,

e i mii fioi grandi, e anca,

sì, putei; go mia mama

de mi pìcio e po’ bianca

 

cara vècia; e Tandina

puteleta e po’ dona,

co’ la su’ Rina e mia;

e ela la sèria nona.

 

E stemo insieme, e tuti

insieme spassegiemo;

e se metemo in tola

e magnemo e bevemo

 

pulito; e se vardemo

un co’ l’altro nel viso;

e in pase se parlemo;

e semo in paradiso.

Continua a leggere…

Per sentirmi vivo voglio piantare un albero…

Per sentirmi vivo voglio piantare un albero.

Sceglierò un angolo

nascosto, vicino alla mia casa,

e chiederò consiglio

a qualche giardiniere

per orientarlo verso la luce

che regola le mie giornate.

Voglio vederlo quando rincaso dall’ufficio

o dopo un breve viaggio

o quando nei mattini d’estate

il sole trafigge

con la linea rosata di un raggio

il ramo più verde

dove un chiaro rigogolo si sgola.

Voglio che sia un albero forte

e pieno di grandi foglie, senza nome,

alla cui ombra stendermi

un giorno per osservare, come Hopkins,

il disegno irregolare delle nuvole.

(Pasquale Di Palmo)

Impalcatura

I muratori, quando iniziano un edificio,

si preoccupano di testare l’impalcatura;

 

si accertano che le assi non scivolino nei punti critici,

fissano tutte le scale, serrano i giunti imbullonati.

 

Eppure tutto questo scompare a lavoro finito,

svelando muri di pietra solida e sicura.

 

Perciò, mia cara, se talvolta sembra

che tra me e te stiano cedendo vecchi ponti,

 

non temere. Lasciamo pure cadere l’impalcatura,

sicuri di avere costruito il nostro muro.

 

(Seamus Heaney)

rrrrr