Trashed di Derf Backderf

9788858016381_quarta
Copertina ita, ED.Gribaudo 2016

E-SI-LA-RAN-TE! Questa è la prima parola che mi è venuta in mente una volta finite le 214 pagine di fumetto.

Ode al più sporco dei lavori!

Continua a leggere…

Annunci

her di Spike Jonze (2013)

Locandina
Locandina

Per prima cosa vorrei sentitamente ringraziare tutti quelli che si sbattono, mi sembra un termine adeguato, a sottotitolare film e serie tv ben prima che escano in Italia, in modo che tutti gli appassionati possano usufruirne in barba alla distribuzione italiana perennemente in ritardo, grazie di cuore.Detto ciò, per parlare di questo film vorrei partire dalla fine, o meglio da quello che ho fatto io alla fine del film.Continua a leggere…

Brevi considerazioni sull’anno passato

newyear_07Sono ormai le ultime ora del 2013 e come il mio amico Ghironding volevo trarre qualche conclusione su ciò che mi ha colpito di più di quest’anno e guardare oltre.

Per quanto mi riguarda,l’interesse nella politica italiana è con il tempo scemato fino quasi al disinteresse totale; ci barcameniamo con governi che nessuno ha votato (a prescindere dalla legge elettorale) e le novità che si prospettano nel 2014, a mio parere, puzzano già di muffa, ma tant’è….Continua a leggere…

Frances Ha di Noah Baumbach (2012)

Ci sono cascato di nuovo. Mi sono innamorato di un film. E’ successo qualche giorno fa, con il bellissimo FRANCES HA di Noah Baumbach, film del 2012 che in Italia dovrebbe uscire nel 2014 (sigh..). Questa sorprendente commedia  ha una trama semplice, racconta il passaggio alla vita “adulta” (nel senso di lavoro stabile, rapporti amorosi […]

Il controllo che non si vede

Big Brother
Big Brother

 

 

 

 

Internet negli ultimi anni è diventata la “piazza” virtuale in cui i contrasti tra governi e cittadini si fanno sempre più accesi. Ormai le sommosse, le rivoluzioni, gli scioperi etc vengono tutti organizzati online (o almeno sembra…), basta una mail, un messaggio sui social network o una foto magari falsa e migliaia di persone si ritrovano a manifestare il proprio dissenso.

Continua a leggere…

Un disastro ambientale a poco prezzo

Disastro Nuova Zelanda

Quanto vale il danno procurato da 1700 tonnellate di cherosene rovesciato in mare? E la morte di oltre 1000 uccelli? E la distruzione di un ecosistema che ospitava (ora non più e chissà per quanto tempo) balene, pinguini e delfini? A quanto pare, per saldare tutto questo danno, bastano 5000 euro. Esatto, per il peggior disastro ambientale della Nuova Zelanda bastano quei pochi soldi di multa.Continua a leggere…