Il canyon d’Italia

ImmagineCi voleva uno straniero a farceli riscoprire. Quando Mel Gibson girò “The Passion” tutti rimasero incantati dai Sassi. L’Unesco se ne era già accorta e li aveva inseriti nel patrimonio dell’umanità. Per molti anni li avevamo ignorati nonostante li avessimo in casa. Forse, ancora vergognosi e timidi a causa di ciò che scrisse Carlo Levi. Forse perché al solito tendiamo a non valorizzare ciò che fa parte del nostro patrimonio.Continua a leggere…

L’utopia si ammanta di silenzio

ImageLa notte tra il 14 e il 15 gennaio del 1968 la valle del Belice fu colpita da un tremendo terremoto. Le vittime furono 370, più di mille i feriti e 70000 gli sfollati. I centri abitati completamente rasi al suolo furono Gibellina, Salaparuta, Poggioreale e Montevago. Non subirono danni ingenti, furono completamente spazzati via.

Terminati i soccorsi si passò alla ricostruzione. Per Gibellina venne deciso un nuovo destino: sarebbe stata costruita 20 chilometri più a valle e si sarebbe chiamata Gibellina nuova. Il sindaco del tempo, Ludovico Corrao, vide la ricostruzione come una via per realizzare una sorta di utopia:Continua a leggere…

Misteri napoletani

ImageSculture stupefacenti, inquietanti scheletri di arterie e vene. Potete trovare queste stranezze e bellezze a Napoli nella Cappella Sansevero. Costruita da Raimondo di Sangro a partire dal 1744 diede origine a leggende che ancora oggi perdurano.

Raimondo di Sangro era principe, nobile illuminista e noto massone. La cappella, dove é seppellito, viene restaurata ed impreziosita grazie al suo volere. Ma cosa ancora fa trattenere il fiato, oggi, AD 2013, a chi vi entra?

Fondamentalmente

Continua a leggere…

Abbandono in miniatura

ImageCi siamo occupati molte volte (e ci occuperemo ancora) di paesi,posti,luna park abbandonati. E’ una fissa ma i luoghi lasciati soli a sé stessi esercitano,volenti o nolenti,un’attrazione magnetica. Sarà perché evocano mistero e fascino, sarà perché sembra che aleggino ancora fantasmi e presenze, sta di fatto che i luoghi dimenticati sono sempre sotto l’attenzione di molti curiosi ed appassionati.

Oggi parleremo Continua a leggere…

Quando ero bambino guardavo spesso dal balcone di casa mia il campanile di Cologno Monzese con la cella campanaria vuota e poi, quando montarono le campane, le guardavo suonare. La domenica per me erano le giornate con il cielo sereno e pulito, il profumo di bucato, le gite fuori porta o a Milano. Planetario, museo […]