all’altezza di castel santangelo…

all’altezza di castel santangelo

getto nel tevere

una bottiglia di peroni vuota da 66 cl

nella quale ci avevo ficcato dentroContinua a leggere…

Annunci

A ssere ca s’appìccene i lambiune…

A ssere ca s’appìccene i lambiune

a biondine face u puasse e llasse

cu a bbursetta de raffia spertusuate

e re scarpe cu tuacche ciéndevinde

 

U spuaccunciédde frene u fuoristrade

e ccérche quande coste na chiandèdde

edde u guarde, tire nu cuàvece o luambione

quande a fesse de màmmete vale ije!

 

Chiude a vócche ca mamma mije è sande

a paste de case face p’a famiglje

cande sturnelle ammende fatihe a mmaglje

e scioche a scala quarande cu re ccumbuagne

 

Se màmmete è na sande… ije só a madonne

venghe da l’Est nde ng’è meseria scure

e i panne spase trèmene p’a paure

sapenne ca u ggele r’attaradde a notte

 

e re pòddele quanne mene u viénde

se ngollene a rèsene d’i pine

chi re cchiange? Só figlje de nessciune

e aspettene a fine pennuluanneContinua a leggere…

Due poesie di Beppe Salvia

Adesso io ho una nuova casa, bella

anche adesso che non v’ho messo mano

ancora. Tutta grigia e malandata,

con tutte le finestre rotte, i vetri

infranti, il legno fradicio. Ma bella

per il sole che prende ed il terrazzo

ch’è ancora tutto ingombro di ferraglia,

e perché da qui si può vedere quasi

tutta la città. E la sera al tramonto

sembra una battaglia lontana la città.

Io amo la mia casa perché è bella

e silenziosa e forte. Sembra d’aver

qui nella casa un’altra casa, d’ombra,

e nella vita un’altra vita, eterna.Continua a leggere…

Follia non è sapere che di tutti…

Follia non è sapere che di tutti

quei trentamila giorni che viviamo

ne resteranno forse dieci o venti

ben vivi alla memoria. Ma è pensare

che per qualche disordine o disguido

o inframettenza di diavoli scaltri,

quei dieci o venti giorni a cui si affida

la nostra vera storia

non son quelli, ma altri.

 

(Maria Luisa Spaziani)